Gli Amici della Costituzione hanno consegnato oltre 90.000 firme per il referendum contro la legge COVID-19. Con più di 57.000 firme raccolte per il referendum sulla PMT in circa un mese, sono stati fissati nuovi parametri di riferimento e gli Amici della Costituzione sono diventati "un fattore importante nel panorama politico svizzero".

In condizioni molto difficili, i numerosi raccoglitori di firme hanno attuato il nostro annuncio di un referendum in modo rapido e forte. Con ciò abbiamo raggiunto un importante obiettivo intermedio: i votanti svizzeri possono votare sulle misure governative per combattere il COVID-19. Questo diritto probabilmente non sarà concesso a nessun altro popolo al mondo.

Il Consiglio federale ha voluto ancorare solo poche delle sue controverse misure nella legge COVID-19. La paura del governo di un referendum sui dettami distruttivi da loro imposti, quali le chiusure sproporzionate e provatamente inefficaci di negozi, ristoranti e scuole, è troppo grande. Purtroppo, non possiamo votare in merito alle misure peggiori. Eppure, i votanti hanno buone ragioni per affossare la legge COVID-19 alle urne. Perché la legge è pericolosa, immorale, inutile e, purtroppo, è solo l’inizio.

Il Parlamento ha dichiarato urgente questa pessima legge. Nonostante il successo del referendum, rimane in vigore. Nella sua versione attuale, la maggior parte degli articoli di legge saranno in vigore ancora solo per pochi mesi al momento del voto. Tuttavia, è importante respingere questa legge, perché il Consiglio federale voleva originariamente che rimanesse in vigore fino alla fine del 2022. L’esperienza dimostra che una volta che il Consiglio federale ha ottenuto il potere, non vi rinuncia più volontariamente.

La legge COVID-19 contiene misure di sostegno che purtroppo sono state rese necessarie dai dettami distruttivi e sproporzionati del governo. Questi includono, tra l’altro, le disposizioni insufficienti per le difficoltà e le misure per il lavoro a tempo ridotto. Le persone e le imprese che sono state spinte al limite dai dettami irresponsabili del Consiglio federale devono essere aiutate. In caso di rifiuto del progetto di legge COVID-19, il Parlamento ha l’opportunità e la responsabilità di creare la base giuridica per questo senza legittimare al contempo le misure del governo.

Per una piccola parte delle misure pandemiche, il popolo sovrano può decidere se concedere la legittimità alla gestione pandemica del governo. La decisione sarà rivoluzionaria. Dopo tutto, i virus pericolosi continueranno a diffondersi in Svizzera anche in futuro. Accettando la legge COVID-19, segnaliamo al governo che dovrebbe reagire anche alle future pandemie distruggendo i nostri mezzi di sussistenza? O vogliamo mostrare al governo, respingendo questa pessima legge, che il popolo sovrano rifiuta una gestione della pandemia così sproporzionata e sconsiderata?

Speriamo anche che il successo del referendum porti finalmente a un dibattito basato su delle prove evidenti che tenga conto anche dei danni devastanti causati dalle misure imposte dal governo. Per una Svizzera veramente solidale, libera e vivibile.

Gli Amici della Costituzione si impegnano per il rafforzamento della democrazia diretta e per una gestione della pandemia basata sull’evidenza dei fatti.